Crea sito

The L Word sta per tornare

The Pleasure Song è una canzone di Marianne Faithfull uscita nel 2002. Malgrado la notorietà della cantante non si può dire che questo brano abbia raggiunto le aspettative della massa. Eppure, a sentirlo fin dai primi secondi, potrebbe scatenare in alcune persone un episodio di memoria involontaria, un attacco di nostalgia nei confronti della defunta serie televisiva The L Word.

the-l-word-opening-title

Il frammento iniziale di una canzone praticamente ignota è rimasto per sempre impresso nelle menti del pubblico (soprattutto femminile – e soprattutto omosessuale) di una serie tv tutt’altro che perfetta.

The L Word e il risveglio della coscienza

Era il 2004, e mentre qualcuno indagava sulle probabilità di sopravvivenza in un incidente aereo, su orsi polari e isole deserte, le spettatrici di Showtime si accontentavano di assistere al tentativo di una coppia lesbica di avere un figlio. Che piaccia o meno, in quei giorni The L Word scriveva una nuova pagina della storia LGBTQ.

Sopravvissuta per sei stagioni tra alti e bassi narrativi, la serie tv edificata su un gruppo di amiche lesbiche vedeva la sua figura portante in Bette Porter, seguita a ruota dalla mitologica Shane McCutcheon, dalla mal sopportata Jenny Schecter – e ancora da Alice Pieszecki, Dana Fairbanks, Tina Kennard. Anche i personaggi, come quei pochi secondi della canzone di Marianne Faithfull, sono stati incisi a fuoco nella memoria delle (un tempo) giovanissime donne gay.

the-l-wordOggi la scena di apertura di Bette e Tina a letto insieme sarebbe solo una tra le tante, ma l’impatto che generò all’epoca fu talmente importante da far abbandonare quello stato di torpore della propria identità sessuale dovuto ad una società eretta sul principio eteronormativo. Insomma, le adolescenti lesbiche scoprivano di non essere un’eccezione alla regola guardando Bette, Marina e Shane copulare con altre donne.Non avete la più pallida idea di chi sia tutta questa gente? È arrivato il momento adatto per recuperare le sei stagioni del telefilm (possibilmente in lingua originale, perché quella doppiata è un abominio).

BOOM! The L Word sta per tornare

Pochi giorni fa è giunta in rete un’allusione poco velata ma inspiegabilmente passata in sordina. A lanciare il sasso è stata Jennifer Beals, divina interprete di Bette Porter, attraverso il suo profilo ufficiale su Instagram.

Una foto al fianco di Ilene Chaiken (produttrice e autrice dello show) e una breve didascalia:

jennifer-beals-ilene-chaiken-plotting-the-l-word-2016

Go into your weekend knowing that these two broads are plotting and scheming #TheLWord #StayAwake