Repubblicano vuole la pena di morte per gay e adulteri

Larry Kilgore
Larry Kilgore

Il repubblicano del Texas Larry Kilgore spera di ottenere il sostegno degli elettori LGBTQ nella corsa per diventare governatore, realizzare la secessione dagli Stati Uniti e dunque introdurre un sistema normativo basato sulla Bibbia, compresa pena di morte per gli omosessuali.

Sono cristiano ma tento di costruire una coalizione formata da tutti i tipi di persone. Guardo le lesbiche e gli omosessuali e dico: “Hey, Washington DC sta rubando i nostri soldi”. Dopo che avremmo ottenuto la nostra libertà, allora potremo decidere quelle cose – magari contea per contea. In questo momento gli omosessuali e i cristiani potrebbero avere punti di vista divergenti, ma abbiamo un nemico in comune.

Nel 2007, durante la campagna elettorale per giungere al Senato federale, Kilgore dichiarò al quotidiano Houston Chronicle di appoggiare la pena di morte per gli adulteri e la fustigazione in caso di bestemmia in pubblico – pratica da inasprire nei confronti dei travestiti.

Il cambiamento tuttavia non arriverà subito. Infatti, per non spaventare troppo gli omosessuali e gli adulteri, Kilgore promette che dopo aver raggiunto il suo scopo principale – ossia la secessione dagli Stati Uniti – si prenderà una pausa di un anno prima di tornare in campo per l’approvazione delle leggi bibliche.

Approverei la legge biblica per prevenire i comportamenti omosessuali nella nuova nazione. Secondo la Bibbia, dovrebbe esserci la pena di morte per chiunque sia coinvolto in quell’attività.

Ma il repubblicano mostra anche segni di apertura. Le diverse aree della nazione Texas potranno infatti scegliere in modo autonomo se punire o meno le persone omosessuali, bisessuali e transessuali. Inoltre, se siete gay ma secessionisti, otterrete in ogni caso il supporto del repubblicano:

Se ci fosse un omosessuale in corsa per la secessione, lo sosterrei.

Precedente Duck Dynasty e omofobia, questo mese su GQ America Successivo Approvata in Uganda la discussa legge "Kill The Gays"