Tasmania, matrimoni gay (inaspettatamente) bocciati

[banner]

Duro colpo per i diritti LGBT in Tasmania. Il progetto di legge sui matrimoni tra persone dello stesso sesso, che dopo l’approvazione da parte della prima Camera sembrava non aspettare altro che il voto positivo del secondo esame, è stato invece fermato dalla dichiarazione di voto contraria di un membro-chiave del Parlamento.

Si tratta di uno sviluppo inaspettato per gli attivisti gay, nonché della seconda amara delusione che va ad unirsi al voto del Parlamento federale dell’Australia, che poco più di una settimana fa ha bocciato la legge che avrebbe aperto la strada alle nozze tra omosessuali.

Le speranze di approvazione della norma si sono spente nella mattinata di ieri, quando l’ottavo voto contrario è stato decisivo per la maggioranza di una Camera composta complessivamente da 15 membri. Tuttavia l’attivista Rodney Croome non vede solo aspetti negativi nella vicenda:

In Tasmania ci siamo avvicinati molto al riconoscimento del matrimonio di coppie omosessuali. Siamo i primi nella storia dell’Australia. Se gli oppositori di questa legge credono di aver messo fine al dibattito, si sbagliano.

Precedente Famiglie omogenitoriali, ecco come se ne parla su Rai2 Successivo Un coming out in 'The Casual Vacancy' di JK Rowling