Pubblicata la classifica dei marchi gay-friendly del 2013

YouGov BrandIndex ha pubblicato la classifica annuale dei marchi percepiti come “gay-friendly” dai consumatori LGBT. Anche quest’anno dominano le aziende del settore tecnologico e di intrattenimento, ma non mancano nomi della grande distribuzione, dell’industria alimentare e quella automobilistica.

lgbt brands 2013

La prima posizione spetta ancora una volta all’azienda proprietaria di Google, ma questa volta con un marchio diverso, YouTube, che balza sul podio dopo il sesto posto ottenuto lo scorso anno.

Sebbene in classifica sia presente il marchio iPhone, il nome dell’azienda di Cupertino viene retrocesso oltre la ventesima posizione, insieme a Disneyland, Skype e Starbucks, la catena di caffetterie che tramite il suo portavoce è stata protagonista di una discussione pubblica con alcuni azionisti che contestavano il calo di vendite in seguito all’annuncio ufficiale del supporto ai diritti delle persone gay, lesbiche, bisessuali e transessuali.

Nel settore alimentare viene confermato Subway, nota catena di fast food, mentre nella grande distribuzione restano saldi Target e Costco.

Precedente Filippine, successo per la serie su due amanti gay Successivo Nozze gay, Cindy McCain: «Presto sostegno del GOP»