Crea sito

Il Principe George incontra la figlia di una coppia gay

Nei giorni scorsi i media hanno seguito con troppo molto interesse la visita ufficiale dell’erede al trono britannico William e della consorte Kate in Nuova Zelanda, dove insieme a loro si è recato anche il futuro sovrano (per ora ancora in pannolino), il Principe George.

Principe George

Principe George

Sebbene ad attrarre l’attenzione di giornali e televisioni sia stato l’incidente alla Marilyn Monroe della Duchessa di Cambridge, un altro significativo evento si è verificato durante la trasferta neozelandese ed ha coinvolto proprio il figlio della coppia reale.

Il piccolo George ha infatti incontrato una sua coetanea, figlia di una coppia omosessuale. I padri di Isabella hanno poi raccontato cosa è avvenuto durante la visita, che inoltre prevedeva un colloquio tra le coppie di neo-genitori:

Isabella e George hanno giocato un po’ insieme, sembravano amici. È un bambino adorabile, molto vivace. Abbiamo avuto un grande privilegio.

Su William e Kate:

Abbiamo parlato di bambini e delle nostre esperienze da genitori. È stato molto piacevole, loro erano rilassati.

Il raro incontro tra famiglia reale e famiglie che vivono nella realtà è avvenuto presso la Royal New Zealand Plunket Society; insieme ad Isabella vi erano altri dieci bambini. Oggi George ha 8 mesi ed è il secondo terzo in linea di successione al trono britannico, per ora saldamente occupato dall’87enne Elisabetta II.

A proposito di famiglie omogenitoriali, la Nuova Zelanda può vantarsi di aver indicato la strada agli altri “colleghi” del Commonwealth: il matrimonio tra persone dello stesso sesso sta infatti per compiere un anno dall’approvazione del Parlamento, avvenuta il 17 aprile 2013, quando 77 voti favorevoli (contro 44) incoronarono un percorso legislativo promosso dal partito laburista ma condiviso da diversi membri dello schieramento opposto.

In Inghilterra e Galles, invece, il pieno riconoscimento dei diritti LGBT è entrato in vigore alla mezzanotte dello scorso 28 marzo dopo una lunga battaglia politica e sociale tra oppositori e sostenitori delle nozze gay.