Nike molla Manny Pacquiao dopo frasi omofobe

Il marchio di abbigliamento sportivo Nike ha chiuso definitivamente il contratto che legava il suo nome a quello di Manny Pacquiao, campione di boxe filippino che nei giorni scorsi ha definito gli «omosessuali peggio degli animali».

La controversa frase è stata pronunciata dallo sportivo nel corso di un’intervista rilasciata ad un’emittente televisiva delle Filippine, paese in cui è stato eletto membro della Camera dei Deputati.

È buon senso. Neanche gli animali si accoppiano con individui dello stesso sesso. Sono migliori perché riescono a distinguere i maschi dalle femmine. Se gli uomini hanno rapporti con altri uomini e le donne con altre donne, sono peggio degli animali.

Inizialmente Manny Pacquiao, cristiano conservatore, ha difeso i suoi commenti attraverso un post su Facebook:

Preferisco seguire gli ordini del Signore, non quelli della carne. Non condanno nessuno, dico solo la verità. È quello che dice la Bibbia.

La difesa si è trasformata magicamente in un messaggio di scuse appena sei ore più tardi:

Mi scuso per aver offeso le persone paragonando gli omosessuali agli animali. Vi prego di scusarmi. Sono ancora contrario al matrimonio tra persone dello stesso sesso perché è quanto dice la Bibbia, ma non condanno le persone LGBT. Amo tutti come fa il Signore. Dio vi benedica, prego per voi.

Sembra il caso di dire che la toppa è peggio del buco, e infatti arriva presto un comunicato della Nike – di cui Pacquiao è testimonial – ad annunciare la risoluzione del contratto stipulato con il campione di boxe:

Troviamo ripugnanti i commenti di Manny Pacquiao. La Nike si oppone fermamente a tutte le discriminazioni ed ha alle sue spalle una lunga storia di sostegno e difesa dei diritti della comunità LGBT.

Nonostante le ingenue scuse, il campione non è esattamente nuovo alle dichiarazioni di tipo omofobico: nel 2012 si vide negare l’ingresso in un famoso centro commerciale di Los Angeles dopo aver pronunciato parole simili durante un’intervista che si teneva all’interno della struttura.

Precedente Cresce ancora l'omofobia in Russia Successivo Adèle Haenel: «Sono stanca del maschio bianco al cinema»