Crea sito

Missouri, 36 ore consecutive di interventi contro legge anti-gay

I candidati alle primarie del Partito Democratico statunitense Hillary Clinton e Bernie Sanders hanno elogiato la maratona di 36 ore di interventi messa in atto dai parlamentari dem in Missouri con lo scopo di bloccare una legge anti-gay.

La Resolution 39 – appoggiata dalla maggioranza dei repubblicani – avrebbe aggiunto un emendamento alla Costituzione dello stato federato per consentire agli abitanti del Missouri di discriminare le coppie dello stesso sesso legalmente unite in matrimonio, tutto in nome della libertà religiosa.

L’approvazione della Resolution 39 impedirebbe alle autorità di promuovere azioni legali contro le persone che discriminano gli omosessuali, dal momento in cui vi è «una sincera preoccupazione in ambito religioso riguardo al matrimonio tra due individui dello stesso sesso».

La discussione sulla proposta di legge ha avuto inizio in Senato alle ore 16:20 di lunedì scorso, ma l’instancabile maratona di interventi dei senatori democratici – i quali hanno parlato per ben 36 ore consecutive senza interruzione – ha permesso fino a questo momento di evitare il voto sulla controversa norma, sperando di ottenere infine un rinvio a data da definire.

Per 36 ore, gli esponenti dem coinvolti in questo straordinario atto di ostruzionismo non hanno dormito né hanno avuto la possibilità di rinfrescarsi. Il senatore Jason Holsman commenta ironicamente l’impresa:

A questo punto sono abbastanza appestante.

Hillary Clinton afferma senza riserva di sostenere i senatori del Missouri, ricordando ai loro avversari che negli Stati Uniti il matrimonio egualitario è legge. All’ex Segretario di Stato si aggiunge la voce del suo rivale Bernie Sanders, il quale parla di «dovere nel sostegno delle sorelle e dei fratelli LGBTQ» nonché di orgoglio nei confronti dei colleghi di partito.

Gli oppositori alla Resolution 39 hanno trascorso giorno e notte parlando degli argomenti più svariati nel corso dell’interminabile seduta, anche non attinenti alla materia in analisi. Ad esempio, alcuni senatori hanno parlato di cibo, altri della loro infanzia, altri ancora degli hobby personali – con il solo obiettivo di evitare la votazione che avrebbe reso legale la discriminazione nei confronti delle persone omosessuali.