Crea sito

Kate Brown è il primo governatore apertamente LGBT negli USA

In Oregon il primo Governatore apertamente bisessuale degli Stati Uniti

Kate Brown è stata eletta governatrice dell’Oregon lo scorso 8 novembre, nelle stesse ore in cui Donald Trump – che promette di sovvertire l’attuale stato dei diritti civili delle minoranze negli USA – veniva votato per fare il suo ingresso alla Casa Bianca.

Seppur oscurata dall’elezione di Trump, Kate Brown ha lasciato un’impronta nella storia americana diventando il primo Governatore apertamente LGBT di uno Stato federato degli USA.

Kate Brown

Kate Brown

L’esponente democratica è infatti la prima persona dichiaratamente bisessuale ad essere scelta dall’elettorato per guidare uno dei cinquanta stati membri della federazione. L’elezione è avvenuta con il 51% delle preferenze contro l’avversario repubblicano Bud Pierce.

La conferma degli elettori

Quella di Brown è stata in realtà una sorta di conferma, dato che lo scorso anno venne nominata – così come prevedono le leggi dell’Oregon – governatrice in seguito alle dimissioni di John Kitzhaber e in quanto seconda carica dello Stato.

In un’intervista al Washington Blade avvenuta lo scorso mese Kate Brown ha sottolineato quanto importante sia per la comunità di gay, lesbiche, bisessuali e transessuali avere come punto di riferimento una esponente LGBT all’interno delle istituzioni – soprattutto per i giovani e per coloro che hanno difficoltà nell’accettarsi, oltre per quelle famiglie i cui diritti sono tuttora esposti all’elevato rischio delle politiche conservatrici.

L’attività pro-LGBT di Kate Brown

Non si tratta però del primo Governatore LGBT in senso assoluto. Il democratico Jim McGreevey guidò lo stato del New Jersey dal 2002 al 2004, tuttavia il coming out – o meglio, il suo outing – avvenne due anni dopo le elezioni, nell’ambito di uno scandalo che lo vide protagonista insieme all’amante.

Nel corso del 2015 la Brown ha firmato la legge per tutelare i minorenni dalle cosiddette terapie riparative. L’Oregon è uno dei cinque stati americani a proibire la discussa pratica nei confronti di chi non ha ancora raggiunto la maggiore età.