JONAH, pratiche vergognose per ‘convertire’ i gay

Il Southern Poverty Law Center (SPLC) ha annunciato martedì scorso l’avvio di una causa legale nei confronti di Jews Offering New Alternatives for Healing (JONAH), un gruppo del New Jersey che pratica la cosiddetta terapia riparativa promettendo di convertire l’orientamento sessuale dei pazienti.

Nel corso della conferenza stampa, il rappresentante del SPLC Sam Wolfe ha descritto alcune delle pratiche utilizzate dai ‘terapisti’ del JONAH:

I convenuti prendevano parte a sessioni durante le quali i partecipanti venivano invitati a togliersi gli abiti di fronte a terapisti significativamente più anziani e anch’essi attratti dal sesso maschile. I nostri clienti dovevano picchiare violentemente immagini delle loro madri e incolparle per il proprio orientamento sessuale. I convenuti hanno sottoposto i nostri clienti a derisione, chiamandoli ‘froci’ e ‘ragazzi gay’.

Michael Ferguson, uno dei quattro giovani rappresentati da SPLC, ha ricordato così la propria esperienza:

Gli uomini provavano una rabbia disperata nei confronti delle loro madri e incoraggiavano a praticare violenza fisica contro i propri genitori, con lo scopo di raggiungere la cosiddetta ‘vera mascolinità’ e diventare più eterosessuali. In un altro esercizio, un uomo doveva irrompere attraverso una barriera umana – della quale io facevo parte – per impossessarsi di due arance che simboleggiavano i suoi testicoli. Poi gli veniva ordinato di estrarne il succo e di berlo, infine doveva mettere le arance nei pantaloni per rappresentare la ‘crescita dei testicoli’, la cui assenza era causa dell’omosessualità.

Chaim Levin, altro querelante, ha descritto una sessione particolarmente vergognosa:

Mi hanno costretto a mettere in scena un abuso subìto da bambino. Lo stesso esercizio veniva ripetuto da tutto il gruppo. Veniva usato continuamente un linguaggio offensivo e non era previsto nessun appoggio psicologico. Un terapista mi ha ordinato di togliere i vestiti davanti a lui in una stanza dove eravamo soli.

Precedente Christina Aguilera parla del legame con la comunità LGBT Successivo Dr. Oz ospita i sostenitori della 'terapia riparativa'