Crea sito

Hillary Clinton ironizza sulla sua precedente opinione sui diritti LGBT

Kate McKinnon e Hillary Clinton

Kate McKinnon e Hillary Clinton

Hillary Clinton è in piena campagna elettorale in occasione delle primarie che si terranno per selezionare il prossimo candidato alla presidenza degli Stati Uniti. Lei è la vera star del Partito Democratico e, salvo colpi di scena, dovrebbe avere davanti a sé la strada spianata per il prossimo test politico.

Tuttavia la cautela non è mai abbastanza e in America le relazioni pubbliche – anche in campo politico, si sa – si incentrano più sull’esposizione mediatica del personaggio che sui contenuti dei programmi. È per questo che l’ex Segretario di Stato USA ha deciso di partecipare ad una puntata del Saturday Night Live, un programma-istituzione in onda dal 1975 che ha dato fama a personaggi come Kristen Wiig, Jimmy Fallon e Tina Fey, oggi di rilievo internazionale.

Da alcuni anni la star femminile della squadra di comici è Kate McKinnon, già nota da tempo nell’ambiente LGBTQ newyorchese. È proprio con lei che la democratica ha inscenato una gag mettendosi dietro al bancone di un bar a servire drink, mentre a vestire i suoi panni, quelli appunto di Hillary Clinton, era l’imitatrice apertamente omosessuale.

La finta Hillary si dice dispiaciuta di non aver sostenuto prima il matrimonio tra persone dello stesso sesso, mentre la barista tenta di giustificare la precedente posizione della sua interlocutrice, che tuttavia non cede e ribadisce: «Avrei potuto sostenerlo prima».