Filippine, Chiesa cattolica attacca “My Husband’s Lover”

my husband's loverI vescovi della Conferenza episcopale delle Filippine (CBCP) hanno espresso preoccupazione per la nuova soap opera My Husband’s Lover, in onda sull’emittente GMA Network. Il presidente della CBCP Kunegundo Gargantaag ha invitato i produttori della serie a rispettare gli standard morali della Chiesa cattolica:

My Husband’s Lover dovrebbe tener conto che il nostro paese una cultura basata sulla moralità.

Secondo i membri del clero, la presenza della tematica LGBT andrebbe eliminata in quanto non in linea con la cultura del popolo: la serie racconta le vicende di una donna tradita dal marito con un altro uomo.

Nonostante la “bassa moralità” della produzione, My Husband’s Lover ha conquistato il favore del pubblico fin dal primo episodio andato in onda circa due settimane fa e tutti i media hanno sottolineato il carattere “rivoluzionario” del mostrare una storyline omosessuale in un programma da prima serata. Per classificare la soap è stato coniato un nuovo termine filippino: bekiserye, serie tv gay.

In seguito alle critiche di Gargantaag, l’ufficio del Presidente delle Filippine ha rilasciato un comunicato invitando il pubblico a denunciare eventuali violazioni alle regole di trasmissione presso l’organo che si occupa di controllare la correttezza e la classificazione degli show televisivi.

Precedente Allontanata dal team a causa dei "pensieri impuri" altrui Successivo Australia, il Labor Party cambia rotta sui diritti LGBT