Brasile, Kiss-In e Slut Walk in onore di Papa Bergoglio

bergoglio
Il suo profilo migliore

Il rappresentante del controverso stato Vaticano è sempre ben accolto durante le sue invasioni estere. Ad attenderlo, stesi come zerbini, non mancano gli amministratori del popolo nonché la massa di gente che acclama l’umile Bergoglio (in quanti vorrebbero essere “umili” quanto lui?). Questa è sicuramente la scena predominante, quella raccontata dai media, tuttavia la popolarità della Chiesa comincia a scricchiolare perfino nella religiosissima America Latina.

Mentre il Pontefice si trova in Brasile per la Giornata Mondiale della Gioventù (o meglio GMG, perché il conduttore di A Sua Immagine dice che l’acronimo è una cosa gggiovane), alcuni gruppi di attivisti si preparano a manifestare in modo pacifico in rappresentanza della propria opinione – contraria rispetto a quella di Chiesa e fedeli (già, in un paese laico anche quella del Papa è una semplice opinione, get over it).

Come manifestare in modo pacifico se non con un bacio, o cento? E infatti Bergoglio sarà accolto proprio da un gesto d’amore: il 25 luglio, sulla spiaggia di Copacabana, numerose coppie omosessuali si riuniranno per un PDA (public display of affection) collettivo in onore del Papa. Ma non finisce qui. Il 27 luglio Rio de Janeiro ospiterà la Slut Walk – una “passeggiata di donnacce” – in segno di protesta contro la violenza sessuale nei confronti delle donne.

Riusciranno gay e femministe a farsi notare dai media, soprattutto in Italia?

Precedente Russia, tre turisti olandesi fermati per "propaganda gay" Successivo Grey's Anatomy 10, Ramirez e JCap presenza fissa sul set