Argentina, aggressione omofoba “in nome del Papa”

bergoglioUna coppia gay è stata aggredita a San Isidro, in Argentina, da un gruppo di uomini che avrebbe “giustificato” le proprie azioni con le parole pronunciate da José Maria Bergoglio appena qualche anno fa, quando attaccò il governo della Kirchner sul tema del matrimonio tra persone dello stesso sesso.

Secondo diarioregistrado.com, gli aggressori avrebbero detto alle vittime che essere gay è un «peccato» e, dal momento che il nuovo Papa è argentino, non dovrebbero più esserci gay in Argentina. L’episodio si è verificato nel corso di una festa privata, frequentata da circa 200 persone, dopo che un ragazzo ha “osato” baciare il suo fidanzato. Prima di passare alla violenza fisica, uno degli aggressori ha urlato:

L’omosessualità è un peccato. Ora che il Papa è argentino, voi siete una disgrazia per questo Paese.

Precedente Bud Light come Starbucks: rischia per sostenere i diritti Successivo Agenzia di viaggi greca usa stereotipi gay nel nuovo spot